T-Kone è una membrana alveolare in HDPE che si trova in diverse varianti: T-Kone S, T-Kone, T-Kone G Drain, T-Kone G Drain Plus, T-Kone G Drain Grip. Nelle prime due forme si presenta nuda, in T-Kone G Drain accoppiata a un geotessuto, in T-Kone G Drain Plus a un geotessuto e un elemento impermeabile all’umidità e in T-Kone G Drain Grip a due geotessuti.

 

Come si può capire, già qui bisognerà fare una scelta accurata rispetto all’obiettivo che si vuole ottenere. Ogni soluzione, infatti, risponde a esigenze diverse che partendo dalla funzione di protezione meccanica dell’impermeabilizzazione aggiungono quella drenante. A ogni modo, si tratta di applicazioni veloci e semplici da posare. Scopriamo qui gli accorgimenti di posa di T-Kone.

 

Protezione meccanica dell’impermeabilizzazione con T-Kone

Da dove si comincia?

 

Per prima cosa bisogna pulire la base di lavoro da eventuali detriti e controllare il muro sopra il quale andrà applicato il prodotto affinché non ci siano difetti che potrebbero danneggiare i materiali.

A questo punto si delimitata con un gesso (a) l’area dove si intende installare il sistema di drenaggio, assicurandosi che la membrana venga stesa ben oltre tale delimitazione.

Si comincia a srotolare T-Kone (b) partendo preferibilmente dal centro della parete, con la linguetta verso l’alto e in maniera allineata rispetto alla linea del gesso.

Si stenderà la membrana con le bugne rivolte verso il muro. In questo modo si creerà un’intercapedine di areazione di 8 mm tra l’impermeabilizzazione e la membrana.

Si srotoleranno i pannelli, si applicheranno orizzontalmente o verticalmente e si fisseranno al muro. Nel caso l’altezza del muro non lo consenta, si stenderanno in verticale e si taglierà il tessuto eccedente. Le sezioni da affiancare l’una all’altra dovranno essere sovrapposte di circa 20-30 cm per lato (a+b).

Questi sono solo alcuni fondamentali accorgimenti per la posa di T-Kone. Scopri tutte le applicazioni delle membrane bugnate sul sito TeMa.